Come abilitare l'utente di Root in Android

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Android è il sistema operativo per Smartphone che ha preso piede negli ultimi anni, ed è presente sulla maggior parte dei dispositivi in commercio. Android è stato realizzato da Google e permette all'utente di interagire totalmente col proprio smartphone, installando applicazioni di ogni tipo. Ma ci sono delle funzioni che all'utente standard vengono negate, anche per garantire la stabilità del sistema. C'è una tipologia di utente, l'administrator, che però ha la possibilità di accedere a tutte le impostazioni segrete ed installare app che interagiscono direttamente con il sistema. Questi permessi vengono chiamati root e non sono così semplici da ottenere. Questa guida si propone appunto di spiegarvi come abilitare l'utente di root in Android. Naturalmente occorre sapere che questa operazione va ad annullare la garanzia del proprio smartphone.

25

Occorrente

  • ClockWorkMod
  • Computer
  • App SuperUser
35

Fare il root

La procedura standard è quella di cambiare il kernel attraverso il programma (free) Odin. Alcuni dispositivi permettono di cambiare il proprio kernelcon un omologo "rootato". La procedura è semplice:
Spegnere il telefono, accenderlo in "download mode" (solitamente attivabile con tasto accensione+tasto home+volume giù), collegare il dispositivo al pc ed avviare il programma Odin. Attendere la connessione (un quadratino sul programma diventerà giallo) ed, una volta stabilita, caricare il nuovo kernel.

Dopo riavviare il telefono, verificare che sia stata installata l'applicazione "SuperUser". Qualora non compaia, occorre scaricarla manualmente da Google Play.

45

Controllare la procedura

Una volta installata la applicazione "SuperUser", occorre aprirla e controllare se lo smartphone ha davvero avuto i permessi di root. Questo perché gli smartphone Android non sono tutti uguali, dunque potrebbero aver bisogno di una procedura differente. È superfluo specificare che definire una "procedura standard", quindi, è quasi impossibile, ma possiamo vedere assieme dei passi che sono validi per la maggior parte dei casi.

Continua la lettura
55

Installare la CWM

La prima operazione da fare è scaricare la ClockWorkMod (abbreviata come CWM). Ogni smartphone o tablet ha la propria versione, quindi la via più facile è di trovare un forum che permetta il download o cercarla attraverso un motore di ricerca.
Una volta passata sul dispositivo, dobbiamo avviarlo in modalità "recovery". Solitamente basta accendere il telefono tenendo premuto tasto accensione+volume su+tasto home, ma anche questa procedura può variare da modello a modello.
Nel menù si navigherà con i tasti del volume ("volume su" per salire e "volume giù" per scendere). Bisogna selezionare l'opzione relativa all'installazione della CWM ed installarla.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Smartphone

Come ottenere permessi di root su UMI Rome

L'operazione di root permette di accedere a funzionalità segrete di Android. Il processo non richiede una conoscenza di alto livello, però è un'azione ad alto rischio se non si eseguono i passaggi correttamente. Quindi è opportuno spiegare passo passo...
Smartphone

Come ottenere i permessi di root su Samsung Galaxy S4

Android è un sistema operativo mobile dalla grande versatilità: esso si adatta alle esigenze di ciascuno, poiché permette attività che vanno dal gioco alla gestione di documenti lavorativi. Se tuttavia volete ottenere il massimo dal vostro smartphone,...
Smartphone

Come ottenere i permessi di root su Alcatel 991D

Nella seguente dettagliata e pratica guida che vi consiglio vivamente di leggere con estrema attenzione nei passaggi successivi, vi spiegherò come bisogna avere il totale controllo dell’Alcatel 991D con il Sistema Operativo "Android". Per riuscire...
Android

Come avere i permessi di root su terminale Android

Gli enormi passi in avanti effettuati dalla tecnologia in questi ultimi anni hanno permesso uno sviluppo rapido di moltissimi settori, fra quello della telefonia. Infatti, in questo settore, inizialmente vennero introdotti i cellulari che permettevano...
Android

Come ottenere i permessi di root su qualsiasi dispositivo LG

Con l'avanzare della tecnologia, il pc è ormai divenuto uno strumento indispensabile di uso quotidiano. Sono infatti parecchie le mansioni che riusciamo a compiere tramite l'utilizzo di tale dispositivo ed il sistema informatico, al giorno d'oggi offre...
Android

Come rootare uno smartphone Android

Android è un Sistema Operativo per dispositivi mobili, quali Smartphone e Tablet, con la dominante caratteristica di essere Open Source, ovvero un software dove gli stessi fondatori permettono agli utenti finali di elaborare delle modifiche. La possibilità...
Android

Come rootare uno smartphone

I due sistemi operativi per dispositivi mobili ad oggi più utilizzati sono sicuramente Android (per smartphone e tablet) e iOS (per iPhone e iPad). La differenza principale tra questi due sistemi è che Android è un sistema Open Soure, invece iOS è...
Smartphone

Come ottenere facilmente permessi di root su Galaxy S

I permessi di root sono come, per un telefonino con sistema operativo Android, vengono definiti i permessi amministratore. Quelli tramite cui è possibile modificare alcune impostazioni del telefono e sfruttare alcune delle potenzialità, nascoste ai...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.