Come controllare le rete wifi da smartphone

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Quando si è a casa spesso capita che per risparmiare lo scambio dati dello smartphone, si scelga di usufruire della connessione Wi-Fi della nostra abitazione. Tuttavia a volte la velocità sembra notevolmente più lenta rispetto a quella che si ha sul PC connesso con cavo Ethernet, o addirittura inferiore a quella che avevamo con lo scambio dati. In questa guida verrà quindi illustrato come controllare che la propria rete domestica offra una connessione Wi-Fi ottimale, grazie ad una semplice app per smartphone Android chiamata Wifi Analyzer.

28

Occorrente

  • Smartphone Android
  • Accesso ad Internet
  • Router con Wi-Fi
  • Dati d'accesso per il router
38

La guida è mirata agli utenti Android in quanto, purtroppo, non esistono app complete come Wifi Analyzer sull'App Store di Apple perché in contrasto con le norme della compagnia, ma è comunque possibile trovare la stessa app discussa nella guida per coloro che dispongono di un dispositivo iOS con jailbreak.

La prima cosa da fare è quella di collegarsi ad Internet dal proprio smartphone e scaricare Wifi Analyzer, app gratuita disponibile per versioni Android dalla 2.3 in poi.

48

Una volta installata l'applicazione, assicuratevi di attivare il Wi-Fi e facciamola partire. Questo tool si presenta con una serie di schermate nelle quali vengono mostrate diverse informazioni riguardo le linee wireless raggiungibili dal nostro dispositivo, attraverso una serie di liste e grafici disposti in quattro pagine che possiamo scorrere strisciando il dito sullo schermo verso destra o sinistra, oppure premendo sull'icona con un occhio in alto a destra.

Nello specifico, la prima schermata ci mostra un dettagliato elenco di tutte le linee disponibili con la relativa potenza del segnale, il canale di trasmissione e l'indirizzo MAC del router, la seconda invece presenta un elenco con la valutazione dei vari canali disponibili per la trasmissione, la terza e la quarta pagina ci mostrano due grafici riguardanti sempre la potenza del segnale, mentre l'ulltima ci offre uno strumento per controllare la qualità del segnale spostandoci per la casa.

Naturalmente siete liberi di esplorarle tutte, ma per la guida ci basterà usare la prima pagina (AP list) e, opzionalmente, la seconda (Channel rating) e l'ultima (Signal meter).

Continua la lettura
58

Lo scopo principale della guida sarà quello di scegliere il canale ideale sul quale trasmettere con il nostro router di casa, in modo tale da avere una connessione wireless stabile e priva di interferenze.

Spesso i router sono impostati con la scelta automatica del canale di trasmissione, tuttavia in molti casi questo non è sufficiente, in quanto la selezione risulta essere troppo approssimativa e soprattutto non cambia finché non si riavvia il dispositivo o il Wi-Fi di esso. Per questo è buona norma effettuare periodicamente un controllo della connessione come descritto in questa guida.

Nella prima pagina, denominata AP list, noteremo subito la nostra connessione, quasi certamente quella con il segnale più alto, e teniamo a mente i canali usati dalla nostra e dalle altre connessioni raggiungibili, espressi con la dicitura CH seguita da un numeretto verde. Nell'esempio, la nostra connessione FASTWEB trasmette sul canale 11, mentre le altre trasmettono sui canali 6, 5 e 1. Notare come tutte sfruttano canali diversi, il che è un buon segno. Può capitare inoltre che alcune connessioni spariscano per poi ricomparire dopo un po': questo non deve preoccuparci in quanto sono segnali che arrivano già molto deboli al nostro dispositivo, e quindi difficilmente risultano causa di interferenze.

68

Per scegliere il canale perfetto, non bisogna semplicemente individuarne uno che non sia già utilizzato da un altro access point, ma piuttosto è importante sceglierne uno che abbia anche uno o ancora meglio due canali liberi ai lati. Il segnale trasmesso dal nostro router usa una fetta di banda che ha come apice il canale indicato, ma spazia anche sui due canali precedenti e successivi. Sempre in riferimento al caso del nostro esempio, il nostro router trasmette sul canale 11, occupando quindi anche i canali 9, 10, 12 e 13.

Nella scelta del giusto canale quindi, assicuratevi di scegliere quello al centro di una cinquina di canali liberi. Se la scelta può sembrarvi difficile, soprattutto con la presenza troppo segnali da gestire, il consiglio è quello di affidarvi alla seconda schermata dell'app chiamata channel rating, in cui attraverso un sistema di stelline vengono indicati i canali migliori sui quali impostare il proprio router; in questo caso, è necessario selezionare la propria connessione premendo sullo spazio subito sotto la scritta Wifi Analyzer. Sempre attenendoci all'esempio, la pagina channel rating ci segnala i canali dal numero 11 al 14 come i migliori per trasmettere per i motivi descritti prima.

78

Una volta deciso il canale che fa per noi, possiamo chiudere l'app ed aprire il pannello di configurazione del nostro router. Se non sapete farlo, seguite la procedura descritta sul manuale d'uso del router, che nella maggior parte di casi vi chiederà di aprire un browser da PC o dispositivo wireless (nel nostro caso lo smartphone va benissimo), digitare nella barra degli indirizzi 192.168.1.1 o 192.168.0.1, ed accedere con nome e password di default, che solitamente sono admin/password o admin/admin.

A questo punto, individuate la sezione denominata Wi-Fi o Access Point, e cercate la dicitura canale o channel, dove andremo a selezionare il canale da noi scelto nel passaggio precedente. Il numero di canali varia in base al tipo di connessione wireless offerta dal vostro router. Alcuni router moderni, oltre che alla classica frequenza da 2.4 GHz, sono in grado di trasmettere con 5 GHz: se avete uno di questi dispositivi, scoprite se i vostri smartphone supportano il protocollo wireless 802.11n, perché in questo caso potreste dover scegliere anche quale tipo di frequenza utilizzare.

Per farla semplice, con una frequenza di 5 GHz la scelta del canale viene notevolmente facilitata grazie alla presenza di molti più canali, e inoltre è possibile connettere in wireless più dispositivi allo stesso tempo senza ridurre le prestazioni del collegamento, perché l'access point trasmette ad una velocità generale molto superiore. L'unico svantaggio rispetto al trasmettere con 2.4 GHz è che viene leggermente ridotta la copertura wireless, quindi se avete tutti i requisiti per passare a 5 GHz, assicuratevi di ricontrollare che il segnale arrivi abbastanza forte in tutta la casa, magari utilizzando il signal meter di Wifi Analyzer.

A questo punto, fatte le vostre scelte, salvate le modifiche e vedrete che il router disattiverà per un attimo il Wi-Fi, per riattivarlo subito dopo con le nuove impostazioni. Complimenti! Avete appena impostato la vostra connessione wireless domestica per garantirvi le migliori prestazioni, e ricordate di effettuare questo controllo periodicamente per assicurarsi di sfruttare il canale di trasmissione migliore per noi.

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per una connessione ottimale, è altresì importante posizionare il router Wi-Fi verso il centro della casa
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Android

Come usare il telefono Android come router 3G

Gli smartphone ormai possono fare quasi qualsiasi cosa. Hanno le stesse funzionalità di un computer e possono sostituire molti dispositivi. Quasi tutti gli smartphone ormai possono sostituire anche il router wifi, in quanto riescono a fare loro stessi...
Smartphone

Come utilizzare lo smarthphone come router

Fino a qualche anno fa, per navigare in internet bisognava sedersi davanti al computer e possedere una linea telefonica. Ma con il passare degli anni, la tecnologia ha fatto dei passi da gigante e mano mano le soluzioni per collegarsi al mondo virtuale...
iPhone

Come Vedere la Tv su iPhone

Molte volte siamo fuori casa e vorremmo vedere il nostro programma preferito ma non si sa come fare. Se abbiamo un iPhone questo non è più un problema, infatti grazie a una connessione 3G o WiFi abbiamo la possibilità di vedere i nostri canali preferiti...
Smartphone

Consigli per trasformare il cellulare in modem wifi

Al giorno d'oggi rimanere collegati sembra essere una delle principali necessità dell'uomo. Può purtroppo capitare che il nostro modem smetta (anche momentaneamente) di funzionare o, ancora peggio, ci troviamo col nostro portatile fuori casa e lontani...
Tablet

Come migliorare la velocità di connessione Wifi dell’iPad

L'iPad è un oggetto tecnologico estremamente utile attraverso cui è possibile connettersi tramite Wifi alla rete internet in qualunque luogo ci si trovi. Capita però di imbattersi in reti un po' lente o sovraccariche che rendono noiosa e snervante...
Android

Come Utilizzare Uno Smartphone Android Come Webcam Wifi

In questa semplice guida vi mostreremo quant'è facile utilizzare il vostro smartphone Android come webcam wifi; il tutto direttamente sul vostro personal computer. Questa modalità vi permetterà di sfruttare appieno tutte le potenzialità del vostro...
Cellulari

Come trasformare un Nokia in router 3G

Il possesso di un cellulare, al giorno d'oggi, è ormai un qualcosa di indispensabile tra i giovani e non solo. Condividere le informazioni tramite internet è diventata una necessità e le frontiere dell'informazione sono sempre più svariate. Se disponete...
Smartphone

Come configurare e usare il WiFi su cellulari Samsung

Una delle funzioni più all'avanguardia che ha fatto la differenza tra i moderni smartphone e i cellulari di vecchia generazione è la possibilità di connettersi a Internet in totale autonomia, ovunque ci si trovi. Tale connessione può avvenire in due...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.