Come fare l'overclock di uno smartphone Android

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Forse non tutti sanno che Android oltre ad avvalersi delle più note aziende leader nel settore della telefonia ha anche la collaborazione di quelle che dispongono di ottimi sviluppatori indipendenti. Questi ultimi, per la loro esperienza in questo campo, sono in grado di ottimizzare il codice sorgente del sistema operativo degli smartphone più conosciuti e riescono a dotarli di altre funzionalità. Leggendo attentamente questo tutorial si possono avere delle informazioni e dei consigli utili su come fare l'overclock di uno smartphone Android.

24

Scaricare l'apposita app gratuita

All'inizio dobbiamo scaricare sullo smartphone un'apposita app gratuita che dà la possibilità di diminuire abbastanza i “momenti morti” mentre utilizziamo il telefono; successivamente la dobbiamo installare. Per eseguire questa operazione dobbiamo copiare il file scaricato sulla memoria del dispositivo. Poi da quest’ultimo, utilizzando il gestore dei file, possiamo avviare facilmente l’installazione mediante un tail. Quando l'installazione è stata completata, possiamo dare l'avvio all’app. In basso abbiamo una barra che segna la quantità di entropia generata; essa costituisce l’insieme di processi e servizi in esecuzione che devono essere ottimizzati. Basta impostare il profilo su Lowe e spuntare le tre caselle disponibili.

34

Installare una recovery modificata

Adesso dobbiamo portare la CPU dell’HTC One dai suoi 1,7 GHz ad oltre 2 GHz. Per fare ciò dobbiamo innanzitutto sbloccare il booloader. Questa operazione va fatta installando una recovery modificata che dà la possibilità di installare altre app. Per controllare la potenza che scaturisce dal processore del telefono bisogna utilizzare una particolare applicazione gratuita; essa è preferita dagli appassionati dell’overclock. Dopo che abbiamo scaricato l'app l'installazione avviene in modo automatico. Al termine del procedimento non bisogna fare altro che dare l'avvio all'app.

Continua la lettura
44

Visionare le pagine delle impostazioni

L’interfaccia principale dell'applicazione che dobbiamo scaricare (quella riferita nel passo n.2) è piuttosto evidente. Le pagine delle impostazioni, dobbiamo visionarle facendo scorrere la schermata sia a destra che a sinistra. Nella scheda bisogna impostare una frequenza massima di 2160 MHza e 810 di minima. Adesso mettiamo la spunta su 'Set on Boot'; scegliamo in basso a sinistra l’impostazione 'on demand' ed a destra mettiamo 'sio'. Con l'utilizzo di questi parametri possiamo configurare la gestione della potenza per gli utilizzi quotidiani.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.