Come rootare uno smartphone cinese

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'esecuzione del root di un dispositivo mobile ne consente un pieno utilizzo senza alcun rischio. Una misura molto utile per tutti gli utenti. Grazie a tale espediente, potete ricevere i permessi per modificare tutti gli aspetti del vostro sistema operativo. L'unica pecca coincide con la perdita di garanzia sul cellulare. Sempre più persone intendono effettuare il root di uno smartphone. Per questa motivazione, esistono numerosi programmi che consentono una facile realizzazione di tale compito. Con il progresso costante del mercato delle telecomunicazioni cinese, bisogna muoversi di conseguenza. Vi mostriamo quindi come rootare uno smartphone cinese.

26

Occorrente

  • Cavo USB per collegare lo smartphone al pc.
36

Scaricate e utilizzate l'apposito programma

Vediamo come rootare uno smartphone cinese. Come già detto in precedenza, numerosi programmi sono in grado di eseguire tale operazione. Nella procedura seguente, utilizzeremo Shuame. Purtroppo il software è disponibile soltanto in lingua cinese. Tuttavia, basta un pizzico di intuito per capire al meglio come agire. Per acquisire maggiore sicurezza, potete aiutarvi con Google Translate, forse il programma di traduzione più famoso. In tutti i casi, procedete al download di Shuame sul vostro computer. Quindi, procedete all'attivazione del Debug USM all'interno del vostro smartphone cinese. Entrate nella voce "Impostazioni" e proseguite in "Opzioni Sviluppatore". Spuntate la dicitura relativa a "Debug USB" e poi fate clic su "OK", rispondendo alla domanda "Consentire Debug USB"?

46

Collegate lo smartphone al PC

Vediamo ancora come rootare uno smartphone cinese. Dopo aver effettuato tutti i passaggi descritti in precedenza, continuate. Collegate il vostro cellulare al computer mediante un cavetto USB. Se avete già installato tutti i driver, il PC potrà subito riconoscere il telefonino. In caso contrario, installate tutto da un sito online come Snappea. Quest'ultimo è in grado di rilevare i driver dello smartphone tramite un collegamento USB. A questo punto, aprite Shuame e andate sull'icona corrispondente ad un cerchio con al suo interno quadratini. Visualizzerete una schermata con numerose icone. Ciascuna di queste può avviare varie operazioni. Cliccate in quella nella quale c'è la scritta "Root". Scoprite insieme a noi come rootare uno smartphone cinese.

Continua la lettura
56

Iniziate il root vero e proprio

Dopo la procedura precedente, intraprendete il root. Ci vorranno soltanto pochi minuti per concludere l'esecuzione. Intanto, potete visualizzare il progresso su una linea verde. Quando quest'ultima sarà di un verde acceso, scollegate lo smartphone dal computer e riavviatelo. Alla fine, dovreste aver ricevuto tutti i permessi di root. Avrete così eseguito tutti i passaggi per rootare uno smartphone cinese. Utilizzate il vostro cellulare, magari con l'aggiunta di una ROM.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se non siete molto esperti con questo genere di operazioni chiedete aiuto a qualcuno più esperto di voi.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Android

Come rootare Sony Tablet S con ICS

Quando compriamo uno smartphone o un tablet vediamo su di essi installati dei programmi di default, possiamo installarne altri, compiere piccole operazioni comuni, ma purtroppo ci sono vietate invece operazioni più complesse, che richiederebbero dei...
Android

Come rootare un telefono Android

Negli ultimi anni i cellulari hanno fronteggiato un cambiamento radicale in termini di funzionalità. Fino a poco tempo fa questi dispositivi si impiegavano unicamente per le chiamate, oppure per i messaggi di testo. I moderni smartphone invece ci consentono...
Android

Come rootare uno smartphone

Ad oggi, i due sistemi operativi per dispositivi mobili più utilizzati sono sicuramente Android (per smartphone e tablet) e iOS (per iPhone ed iPad). La differenza principale tra questi due sistemi sta nel fatto che Android è un sistema Open Source,...
Smartphone

Come rootare uno smartphone senza pc

Se avete uno smartphone ed intendete farlo rootare senza utilizzare un Pc, potete tranquillamente eseguire l’operazione purché vi serviate di apposite apps e di alcuni strumenti informatici. Questi ultime infatti quasi tutti gratuiti, vi consentono...
Android

Come rootare Android senza perdere la garanzia

Il root, detto anche amministratore di sistema, è l'utente predefinito del sistema operativo, che possiede i permessi maggiori sul dispositivo in esame. Su Android, il termine root indica la procedura che permette di avere accesso a funzioni aggiuntive...
Android

Come rootare il Samsung Galaxy Next Turbo

Al giorno d'oggi chiunque di noi utilizza smartphone per comunicare con amici e parenti, o con il resto del mondo, alle volte pero' alcune funzionalita' risultano piuttosto limitate. Ogni smartphone presenta, solitamente, un unico livello di utenza, quello...
Android

Come disattivare le app Android preinstallate

Quando si acquista uno smartphone Android si trovano generalmente installate delle applicazioni standard sul telefoni. Quest'ultime spesso non vengono mai utilizzate e occupano spazio inutile sul telefono, riempiendo inesorabilmente la memoria. Per disattivare...
Android

Come effettuare il root su Android

Oggi abbiamo proprio deciso di parlarvi di un argomento davvero molto importante ed anche ricercato da alcuni utenti.Nello specifico vogliamo cercare di far capire come e cosa occorre fare per effettuare il così detto root su un semplice Android. Il...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.