5 cose da sapere su Android

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Sviluppato da Google Inc. E basato sul kernel Linux, Android è il sistema operativo per dispositivi mobili più usato al mondo, occupando quasi i due terzi del marketshare globale. Nonostante sia stato ideato per funzionare su smartphone e tablet, con il tempo sono nati diversi progetti che hanno portato Android su televisori, orologi da polso, automobili, occhiali futuristici e altro ancora. In questa lista vedremo 5 cose che ogni utente Android dovrebbe sapere, un po' per cultura personale, ma anche per sfruttare al meglio il proprio dispositivo.

26

Non è stata Google a creare Android

Quando si pensa ad Android, è inevitabile pensare alla multinazionale Google per quanto ne concerne lo sviluppo. Molti tuttavia sono convinti che Google si occupi dello sviluppo di Android perché lo ha creato, ma in realtà non è affatto così. Android nasce come un progetto in sordina di alcuni programmatori ed investitori americani nell'ottobre del 2003, con l'intento di creare un sistema operativo per cellulari che fosse più versatile e personalizzabile di quelli allora in circolazione. Durante la sua breve esistenza, Android Inc. Non ha mai trovato la serenità economica, e anche per questo il progetto non ha mai attirato la curiosità del grande pubblico, essendo in lenta fase di sviluppo. Le cose cambiano nel 2005, quando Google acquista la società con il desiderio di entrare nel mercato mobile. Da allora, Google lavorerà a stretto contatto con alcuni partner del mondo hi-tech quali HTC, Samsung e Qualcomm, per realizzare, nel 2008, il primo cellulare con sistema operativo Android 1.0, l'HTC Dream.

36

Android è diverso su ogni dispositivo

A differenza di ogni altro sistema operativo mobile, Android lo si può trovare su cellulari di marche differenti e adattati dall'azienda produttrice per i propri modelli. Essendo infatti un software libero, Android può essere modificato senza problemi dalle decine di aziende che ogni anno rilasciano diversi modelli di smartphone, ognuno con una versione modificata del sistema Android originale (il quale si trova soltanto sugli smartphone Google). Non è raro infatti che un utente Samsung si trovi spaesato nell'usare uno smartphone Android di un altro produttore, come Xiaomi o Motorola. Alcuni produttori scelgono di modificare pesantemente l'interfaccia grafica, altri integrano applicazioni e servizi proprietari, mentre altri ancora ampliano le possibilità di personalizzazione del dispositivo.

Continua la lettura
46

Esistono diversi App Store per Android

Qualsiasi smartphone Android avrà lo stesso Play Store installato, gestito da Google ed uguale per tutti, attraverso il quale installare e aggiornare le applicazioni sul proprio cellulare. In molti tuttavia ignorano il fatto che esistono numerosi altri App Store dai quali scaricare centinaia di app, gratuitamente o a pagamento. È il caso ad esempio degli store che gestiscono gli stessi produttori di smartphone e che si trovano preinstallati su determinati dispositivi, mentre esistono store paralleli e scaricabili al di fuori del Play Store come nel caso di Amazon Underground, uno degli store più conosciuti e che permette di scaricare gratuitamente applicazioni altrimenti a pagamento sullo store di Google.

56

Il Play Store di Android non è un posto sicuro

Data l'immensa diffusione del sistema operativo Android e delle suite per lo sviluppo di applicazioni dedicate ad esso, è facile immaginare quanti software malevoli circolino su Android, molto più di quanto accade per gli altri sistemi mobile, per i quali la selezione di applicazioni da inserire nell'App Store ufficiale è assai più rigida. Sebbene il Play Store abbia una serie di controlli e funzionalità volte a tutelare l'utente, capita spesso di trovare app infette che diffondono vari tipi di malware sui cellulari di tutto il mondo, la cui rimozione non è sempre un processo immediato e alla portata di tutti.

66

Il Root permette completo accesso al sistema Android

Nei dispositivi Android, ciò che compare su schermo e sul quale l'utente può intervenire fa parte di un'area cosiddetta sandbox, definita dagli sviluppatori in modo da nascondere e rendere inaccessibile i file di sistema. Attraverso procedure ogni volta differenti, la maggior parte dei dispositivi Android può essere sottoposta al processo di rooting, legale nella maggior parte del mondo inclusa l'Italia, in modo da avere il pieno controllo del proprio device. Sebbene ciò esponga lo smartphone ad infezioni virali facilitate o potenziali brick, i vantaggi sono davvero tanti, fra cui la possibilità di modificare file di sistema, installare ROM differenti, installare applicazioni che richiedono i permessi di root, rimuovere applicazioni preinstallate, e di conseguenza liberare spazio in memoria e prolungare la durata della batteria.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Android

5 cose da sapere sul nuovo Android 8.1 Oreo

Sebbene il nuovo Android Oreo 8.0 sia ancora una chimera per quasi tutti gli smartphone in circolazione, per la maggior parte ancora fermi al palo di Marshmallow, è già tempo di rumors sull'uscita della versione 8.1 e sulle novità che questa potrà...
Android

Come scaricare l'aggiornamento ad Android Lollipop

Android è un sistema operativo per smartphone abbastanza diffuso e, allo stesso tempo, molto versatile. Esso è disponibile nella maggioranza degli smartphone sono presenti sul mercato. Ogni nuova versione Android introduce aspetti e caratteristiche...
Android

Come installare Android ICS su Windows Mobile

In questa guida vediamo come installare su Windows Mobile il firmware in modo da averlo sempre a portata di mano. Leggete quindi la guida di seguito per sapere come installare android ics sul windows mobile. Ecco quali sono i passi e come procedere per...
Android

Come modificare la ROM nei dispositivi Android

Il sistema operativo Android è il sistema operativo mobile più popolare usato sulla maggior parte degli smartphone e tablet. Il migliore di Android consente di personalizzare e ottimizzare il firmware e di accedere alle prestazioni dei dispositivi....
Android

Come fare screenshot su Android

Nell'ultimo periodo si stanno diffondendo a vista d'occhio diversi modelli di smartphone con sistema operativo Android, parecchi anche di brand non molto conosciuti. Per questo motivo, molto spesso ci capita di non sapere sfruttare al meglio le potenzialità...
Android

Come individuare il proprio numero su un telefono Android

Se abbiamo un cellulare del tipo smartphone in cui è installato il sistema operativo Android, per visualizzare il numero di telefono da fornire a qualcuno che ce lo ha chiesto e non lo ricordiamo, è importante sapere che è possibile conoscerlo seguendo...
Android

Come esportare i propri contatti da Android a Gmail

Android è uno dei sistemi operativi più popolari e usati; è nato per contrastare Apple ed è riuscito a guadagnare la fiducia di tanti utenti, diventando rapidamente un sistema utilizzato e apprezzato. Android è semplice e nello stesso tempo assai...
Android

I giochi Android compatibili con controller

Se abbiamo un controller del tipo Xbox 360 wireless con ricevitore che usiamo ad esempio su Windows, perché non disponiamo di un Xbox, è importante sapere che lo si può usare anche sul cellulare, poiché sul Play Store di Google ci sono diversi giochi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.