Come aumentare la velocità del processore Android

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Quando hai comprato il tuo smartphone, sembrava così bello e reattivo; mai un rallentamento, mai un blocco forzato, e i giochi andavano così bene che ci passavi le ore, senza rendertene conto. Adesso invece, aprire una pagina web sembra così difficile, da poter esser identificata come tredicesima fatica di Ercole, i blocchi sono all'ordine del giorno, e giocare ti fa venire voglia di fracassare contro il muro quello che, un tempo, era il tuo amatissimo smartphone. Hai già provato a liberare memoria, a fare vari reset, ma non c'è niente da fare, e la tua pazienza sta per giungere al limite. Ti do una notizia, non hai pensato a tutte le possibilità, poiché su Android, è possibile aumentare la velocità del processore in maniera relativamente semplice, così da dare nuova linfa ai processi di sistema che, ormai, arrancano per l'avanzare del tempo. Vediamo come fare.

26

Occorrente

  • Smartphone Android
  • PC (per effettuare le modifiche richieste)
  • Cavo USB (per il collegamento al PC)
36

Effettua il root

Per prima cosa, è necessario effettuare il root; il root, è una procedura che ti permette di sbloccare dei permessi speciali sul sistema Android, consentendoti di effettuare modifiche avanzate. Si tratta di una procedura che invalida la garanzia, quindi procedi soltanto se sei sicuro, ed effettua un backup dei dati per sicurezza. Non esistono dei metodi prestabiliti per effettuare il root di uno smartphone, per cui, è necessario cercare su un motore di ricerca la procedura specifica per il tuo modello di smartphone. Comunque, il metodo, al giorno d'oggi, nella maggior parte dei casi è diventato semplice e alla portata di tutti, anche grazie alla nascita di programmi per computer che fanno tutto in automatico.

46

Installa un custom kernel

Una volta effettuato il root, è necessario installare un custom kernel, per poter successivamente procedere all'aumento della frequenza operativa del processore. Il kernel, è quella parte del sistema che mette in comunicazione il sistema Android con i componenti dello smartphone, quindi con processore, memoria, ecc. Un custom kernel, pertanto, è un kernel personalizzato, che permette di modificare il modo in cui il sistema gestisce i componenti hardware dello smartphone. Solitamente, più che un singolo custom kernel, è molto più semplice installare una custom ROM, cioè una versione di Android modificata, che nella maggior parte dei casi comprende anche un custom kernel. Perciò, in seguito al root, dovrai prima installare una custom recovery, cioè una modifica di base per poter applicare custom ROM, o custom kernel, e quindi, il custom kernel, o la custom ROM, che hai scelto di installare, scegliendo tra quelli disponibili specificamente per il tuo dispositivo.

Continua la lettura
56

Esegui l'overclock

A questo punto, il grosso del lavoro è fatto, hai sbloccato il sistema e lo hai configurato in modo che sia possibile effettuare l'overclock, cioè l'aumento della frequenza, del processore. Per fare ciò, scarichiamo un'app dal Play Store, "No Frills CPU Control", e una volta installata, aprila. Dopo aver garantito i permessi di root all'applicazione, ti si aprirà una schermata dove potrai impostare la frequenza minima, e la frequenza massima, a cui dovrà operare il processore. Aumentando la frequenza minima, dirai al processore di non abbassare mai la sua frequenza, quindi la sua velocità, al di sotto di una certa soglia, garantendo una maggiore reattività al sistema, anche se il consumo di batteria potrebbe aumentare. Aumentando la frequenza massima, invece, si procede effettivamente all'overclock, quindi all'aumento della potenza del processore. Effettua delle prove, aumenta a poco a poco questo valore, e per ogni volta, prova lo smartphone, per vedere come va. Quando avrai raggiunto una velocità soddisfacente, non procedere oltre, poiché l'overclock consiste comunque nell'aumento, oltre i limiti prestabiliti, della frequenza del processore, con possibili conseguenze quali surriscaldamento, consumi anomali, o riavvii frequenti. Bene, siamo giunti al termine della guida, spero possa esserti stato di aiuto, nell'evitarti di disintegrare il tuo smartphone alla velocità della luce :D. A presto!

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Ricorda che, effettuare il root, e le successive modifiche, è una procedura che invalida la garanzia.
  • Effettua sempre un backup dei dati, prima di iniziare con il procedimento.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Android

Come incrementare la velocità di navigazione internet in Android

I cellulari oggi giorno sono diventati indispensabili per la vita di ognuno di noi. Pertanto è utile averne uno che sia efficiente e veloce per non farci perdere tempo prezioso. Spesso succede che la navigazione in internet attraverso Android risulta...
Android

Come aumentare la memoria interna di Android

Al giorno d'oggi, vengono ormai realizzati dispositivi mobili dotati di quantità di memoria sempre maggiori. Per gli smartphone di fascia medio-alta, si parte da un minimo di 16 GB di memoria interna, arrivando ad un massimo di 256 GB. Non è raro, quindi,...
Android

Come Vedere I Dvd Su Uno Smartphone Android Con Mx Video Player

Avete bisogno di un buon programma dove vedervi comodamente ovunque voi vogliate un bel film direttamente sul vostro telefonino, smartphone di ultima generazione? Allora questa guida farà al caso vostro perché qui di seguito proporremo semplici e facili...
Android

Come overcloccare la CPU su Android

Prima di cominciare con questo tutorial su come overcloccare la CPU su Android, sarà bene farvi una premessa. Trattasi infatti di un'operazione con possibili rischi, per questo nel primo passo andremo ad illustrarvi cosa significa il termine "overcloccare"....
Android

Come rootare Android senza perdere la garanzia

Il root, detto anche amministratore di sistema, è l'utente predefinito del sistema operativo, che possiede i permessi maggiori sul dispositivo in esame. Su Android, il termine root indica la procedura che permette di avere accesso a funzioni aggiuntive...
Android

Come cambiare il Kernel su Android

I tecnici informatici ed i veri appassionati di tecnologia conoscono sicuramente la parola kernel. Per chi non lo sa, con questo termine si indica la parte del software di un dispositivo Android che è deputata alla regolazione della velocità di accesso...
Android

Come abilitare il root su qualsiasi Android

Android è un sistema operativo aperto, pertanto gli utenti possono personalizzare il software dei propri dispositivi, grazie proprio all'alto grado di flessibilità. Per root si intende una procedura di sblocco che consente di aumentare ulteriormente...
Android

Cosa fare dopo aver effettuato il root su Android

Come vedremo nel corso di questa guida, la tecnologia avanzata di Android, consente oggi all'utente di personalizzare profondamente il proprio dispositivo, installando e disinstallando a proprio piacimento le applicazioni preferite. Per poter godere appieno...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.