Come bloccare l'accesso all'Iphone

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Se avete lasciato incustodito il vostro iphone a casa o sulla scrivania del vostro ufficio e avete paura che qualcuno possa accedere alle applicazioni, leggendo ad esempio i vostri messaggi, verificando le telefonate effettuate e ricevute, guardando le vostre foto ovvero accedendo ai vostri dati personali? Per evitare questo inconveniente è possibile inserire un codice di blocco del telefono. Il codice di blocco è utile ad impedire ad altre persone di accedere alle applicazioni del telefono nel momento in cui si lascia incustodito ed assicura la privacy anche in caso di smarrimento o furto dell'iphone. L'utente che se ne impossessa infatti non potrà accedere per via di un codice che solo tu conosci. Seguite passo passo la mia guida per imparare a bloccare l'accesso del vostro Iphone in modo semplice e veloce. Ultimamente hanno inventato dei dispositivi con il riconoscimento vocale, facciale o addirittura impronta digitale, per rendere il dispositivo impenetrabile a chiunque. Vediamo come procedere.

27

Occorrente

  • iPhone
37

Per impostare il codice di blocco, andate sull'icona "impostazioni", cliccate successivamente su "generali" e poi su "blocco con codice". A questo punto vai nella voce "Abilita codice" e inserite nella successione, due volte, un codice di quattro cifre, stando attenti a non dimenticarlo. Impostate l'intervallo di tempo necessario affinché si attivi il codice di blocco. L'applicazione ti permette di scegliere che il blocco venga attivato "subito" oppure dopo un minuto, cinque minuti, quindici minuti, un'ora o quattro ore. Quindi programmando io blocco, ogni qualvolta il cellulare rimane incustodito per il tempo da noi impostato, si attivera il blocco del sistema e non si potrà accedere al dispositivo.

47

Scegli ad esempio un minuto, toccando lo schermo in corrispondenza del campo. A lato apparirà un segno di spunta. Da ora in poi, ogni volta che vorrete accedere alle applicazioni, dovrà però essere passato almeno il tempo necessario che avrai predisposto in precedenza cioè da quando non utilizzi il telefono, dovrete inserire il codice precedentemente scelto.

Continua la lettura
57

Non ho idea se sia capitato anche a voi, nel momento in cui dovete prendere un mezzo pubblico e scoprite che arriverà con sei minuti di ritardo, vi sembrerà che il tempo non scorra mai. Per passarci il tempo, utilizziamo il telefonino, sempre se ancora vi è la batteria carica. Ma se per caso ci cade dalla tasca e prima di impostare il vostro codice di blocco e volete comunque evitare che qualcuno possa trovarlo e vedere tutti i vostri dati personali, dovete cercare di ricordare se, in precedenza (in particolare durante la configurazione iniziale del vostro telefono), avevate attivato il servizio chiamato "Trova il mio iPhone. In questo caso potrete bloccarlo attraverso il controllo remoto attraverso il sito internet "iCloud". Questo metodo diciamo che risulta un po' più complicato ma garantisce il blocco del dispositivo qualora venisse rubato o cadesse per sbaglio.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Tieni presente che tempi più brevi assicurano maggiore sicurezza.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cellulari

Come cancellare la cronologia sul cellulare

Ognuno ha diritto ad avere i propri segreti e a continuare a tenerli nascosti. Nell'era di internet e della generazione 2.0 però, qualsiasi azione compiuta sul web lascia una traccia e può essere fonte di informazione per chi vuole scoprire abitudini,...
Cellulari

Come non rovinare un cellulare

Chiunque di noi utilizza uno smartphone quotidianamente, ed è lo strumento più utilizzato da sempre. Per questo è necessario prendercene cura il più possibile cercando di stare attenti a non rovinarlo in fretta. Quando si parla di rovinare un cellulare...
Android

Come Proteggere Le Foto In Uno Smartphone Android

La sicurezza dei dati del telefonino riguarda le password, i messaggi, le foto, le mail ed i file salvati e sincronizzati nelle applicazioni cloud. Uno smartphone può essere perso o rubato in qualsiasi momento o anche lasciato incustodito a casa di qualcuno...
Smartphone

10 suggerimenti per rendere più sicuro il vostro smartphone

Al giorno d'oggi, gli smartphone rappresentano un vero e proprio bene di prima necessità per ciascuno di noi. Questi straordinari dispositivi tecnologici ci servono per gli scopi più disparati. Un po' come per i Personal Computer, anche per gli smartphone...
Smartphone

10 modi per proteggere i dati sullo smartphone

La sicurezza online, così come la sicurezza dei dati mobili, vanno di pari passo. I nostri odierni smartphone sono perennemente in contatto col mondo. Ciò espone i nostri dati sensibili al rischio di attacchi da parte di hacker e malintenzionati. Sarebbe...
Accessori

Come Costruire un portacellulare con materiali di riciclo

Con una buona manualità e tanta fantasia si riescono a creare davvero gli oggetti più disparati, spesso partendo anche con materiali di scarto o dal costo proprio irrisorio. Il risultato, comunque, è sempre lo stesso: stupire amici e parenti con oggetti...
Android

Android Lost: errori da evitare nell'uso

Android Lost è un app per la sicurezza disponibile gratuitamente sul Play Store. In pochi KB, Android Lost raccoglie moltissime funzionalità per gestire il proprio smartphone da remoto. Oltre a questo, offre altre opzioni che permettono la stabilità...
Accessori

Come usare il bluetooth per trasferire file tra due cellulari

Il bluetooth era uno dei principali modi di connessione tra due dispositivi e in particolare era necessario, nell'era in cui sia il wi-fi che il 3g non erano ampiamente diffusi, per trasferire un file da un dispositivo ad un altro. Oggi tuttavia lo si...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.