Come richiedere una SIM PosteMobile

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Poste Italiane ha creato PosteMobile, un servizio di telefonia con delle tariffe molto semplici e competitive improntate al risparmio. In questa semplicissima e pratica guida, vi illustrerò come richiedere una SIM PosteMobile ed attivare il servizio di telefonia su di essa. Vediamo quindi come procedere.

26

Occorrente

  • Ufficio postale
  • Modulo di consegna e attivazione SIM
  • Carta d'identità e codice fiscale
36

La documentazione personale

Negli ultimi tempi, l'offerta nel campo della telefonia mobile si è allargata notevolmente rispetto a quando Vodafone, TIM (Telecom Italia Mobile) e Wind dominavano il mercato, con l'ingresso di nuovi competitor quali Tiscali Mobile ed il gestore nazionale del servizio postale, Poste Italiane. La prima operazione da compiere per diventare cliente PosteMobile, consiste nel recarsi presso un Ufficio Postale, avendo cura di portare con voi un documento d'identità in corso di validità e la sua relativa fotocopia, nonché il vostro codice fiscale. Una volta allo sportello, ritirate un modulo di richiesta di consegna ed attivazione della carta SIM e dei Servizi PosteMobile. È possibile anche scaricarlo da Internet e compilarlo a casa comodamente. Il modulo si compone di tre riquadri. Nel primo bisogna immettere i dati relativi alla propria persona (nome e cognome, comune di nascita, indirizzo, codice fiscale, e così via). Il secondo riquadro prevede la richiesta di associazione della carta SIM PosteMobile agli strumenti di pagamento BancoPosta.

46

I moduli

Successivamente, se volete portare il numero di cellulare del vostro vecchio operatore in PosteMobile, basterà inserire, nel modulo di richiesta attivazione della nuova SIM, il vostro attuale numero. Questo vi consentirà di mantenere il vostro numero di telefono e permetterà a tutti i vostri amici e colleghi di non imparare un nuovo numero di telefono per mantenersi in contatto con voi. Il servizio è gratuito. In questo caso, vi verrà consegnata una SIM con un numero temporaneo che potrete utilizzare fino all'attivazione del servizio di portabilità.

Continua la lettura
56

I correntisti

Se siete già correntisti delle Poste o pensate di diventarlo, è sufficiente che all'atto della richiesta della SIM PosteMobile, facciate richiesta nel secondo riquadro del modulo, ossia chiediate di associare la SIM al vostro conto corrente BancoPosta e/o carta PostePay. Alcuni dei servizi a cui potrete accedere dal vostro cellulare attraverso l'associazione della SIM ad uno strumento di pagamento BancoPosta sono: pagare bollettini, fare telegrammi, inviare bonifici, trasferire denaro da e verso le carte prepagate PostePay, verificare il saldo e i movimenti del vostro conto BancoPosta o della vostra carta PostePay e molti altri.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cellulari

Come passare a Iliad da Postemobile

Il mondo della telefonia mobile è sempre in continua evoluzione, grazie anche alle numerose offerte vantaggiose dei vari gestori telefonici. In questa guida vedremo come passare a Iliad da Postemobile o qualsiasi altro operatore. Nello specifico, illustreremo...
Cellulari

Come tagliare micro SIM per ricavare una nano SIM

L’acquisto di un nuovo smartphone è sempre un momento entusiasmante per gli amanti della tecnologia. Il tragitto dal negozio a casa sembra interminabile, perché c’è la voglia di testarne le funzionalità quanto prima. Spesso, tuttavia, questo entusiasmo...
Cellulari

Come riattivare una scheda SIM scaduta

Oggi moltissimi utenti si ritrovano con l'utilizzare più di una scheda SIM, tanto per motivi professionali, tanto per semplice comodità. Ma quando, per vari motivi, ci si sbarazza o, più facilmente, ci si dimentica di avere una SIM in piu e questa...
Cellulari

Come costruire un adattatore per nano sim

Quasi tutti ormai possediamo uno smartphone o un tablet di ultima generazione, che necessità di una nano SIM per potersi collegare alla rete cellulare. Per rendere sempre più sottili e meno pesanti questi dispositivi, infatti, si cerca di sviluppare...
Cellulari

Come creare un doppione della sim

Clonare una SIM non corrisponde necessariamente ad un atto illegale per frodare una persona, ma può invece rivelarsi un’azione molto utile per scopi personali. Avete mai provato, ad esempio, il brivido di perdere tutti i vostri dati? Nessun contatto,...
Cellulari

Come avere una unica sim con un doppio numero

Siete in possesso di un'unica scheda sim, quindi un solo ed unico numero di cellulare, e desiderate tanto avere una sim con un doppio numero, magari di un gestore telefonico differente, ma non potete perché non possedete un altro cellulare? Non abbiate...
Cellulari

Come far leggere nuovamente la Sim Card al nostro cellulare

Può capitare a volte, che inserendo la Sim Card nel nostro telefono cellulare, non venga letta. Spesso, risolvere il problema non è poi così difficile. Se anche voi vi siete imbattuti in questo inconveniente, leggete la guida qui di seguito e imparerete...
Cellulari

Come bloccare una scheda SIM Vodafone rubata o smarrita

I nuovi cellulari, hanno un design davvero accattivante, una struttura sottile e delle funzioni molto avanzate. Tutte queste caratteristiche, possono spesso attirare l'attenzione di qualche malintenzionato, rischiando spesso di non ritrovare più il proprio...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.